It's Black Friday: che lo shopping natalizio abbia inizio!

It's Black Friday: che lo shopping natalizio abbia inizio!

It’s Black Friday!

È arrivato il Black Friday e con lui inizia ufficialmente lo shopping natalizio! Secondo gli ultimi trend, infatti, siamo appena entrati nel periodo dell’anno in cui si effettuano più acquisti anche e, soprattutto, online. Ecco che allora diventa fondamentale “farsi trovare”, quindi pianificare una corretta strategia SEO per migliorare quello che potremmo definire il “posizionamento natalizio”.

Come sapete (anche se molto spesso lo si dimentica) la presenza online non va data per scontata, online non basta esserci, bisogna farsi trovare, tanto più se il proprio è un sito e-commerce. Per consentire ai motori di ricerca (vedi, ad esempio, Google) di indentificare il sito e posizionarlo servono tempo, impegno e, appunto, una strategia SEO a medio-lungo periodo che, come un abito, viene “tagliata” sul cliente e pianificata in relazione ai suoi obiettivi di business.

Ciò premesso, se vi trovate in assenza di una strategia SEO complessiva, ma volete comunque cercare di approfittare di questo periodo per incrementare le vendite sul vostro e-commerce alcuni consigli possono esservi molto utili:

1. Puntate su contenuti di qualità

Qualsiasi sia il prodotto o servizio venduto, non è sufficiente pubblicarne foto e descrizione per farlo acquistare dal cliente, bisogna affiancare ad esso contenuti di qualità;, tramite ad esempio, articoli del blog che inseriscano il prodotto in un contesto più ampio, come i trend di stagione, i colori moda, il regalo perfetto ecc… In tal modo si costruisce via via un posizionamento più solido e duraturo che ha maggiore probabilità di ottenere conversioni.

2. Usate keywords e link building

Il testo di ciascun articolo va costruito impiegando le giuste parole chiave (quelle correlate al settore merceologico di appartenenza e “ricercate” dall’utente), un numero di parole pari a 1000, anche se già 600 possono andare bene e infine link building, ossia link ad articoli simili o che approfondiscono un argomento accennato nel testo o link ai prodotti in vendita nell’e-commerce. Non dimenticate di inserire elementi, quali immagini o video, accattivanti in grado di prolungare la permanenza degli utenti sul sito web.

3. Esaminate e aggiornate le pagine prodotto

Periodicamente le pagine prodotto vanno aggiornate, soprattutto se in prossimità di periodi di vendita come quello natalizio, appunto: vanno rivisti titoli e descrizioni adattandoli ad eventuali cambiamenti sopravvenuti negli algoritmi dei motori di ricerca.

4. Inserite titolo e descrizione SEO

Non dimenticare di fornire un titolo SEO (molto spesso differente da quello dell’articolo della pagina) che utilizzi le giuste parole chiave per consentire ai motori di ricerca di comprendere esattamente il contenuto della pagina. Un consiglio ulteriore: nella descrizione SEO (anche detta meta description) meglio rimanere entro i 160 caratteri (130 per il mobile) e inserire tutte le parole chiave preferibilmente all’inizio della frase.

5. Aggiornate evergreen URLs

Gli URL evergreen, o permanenti, sono delle pagine web predefinite e molto spesso legate a stagioni, eventi, occasioni (il Natale, ad esempio) che permettono di garantire indicizzazione duratura nel tempo. Tuttavia, non bisogna confondere una pagina evergreen con qualcosa che, una volta creata, può essere abbandonata a se stessa, anzi va costantemente aggiornata, in modo che i motori di ricerca riconoscano contenuti nuovi e recenti, senza rinunciare al posizionamento organico costruito nel tempo. Ad esempio, nel caso del Natale, piuttosto che impiegare URL come ascwebapps.com/natale per raggruppare offerte, prodotti e servizi relativi a quel periodo, è più utile in ottica SEO usare ascwebapps.com/natale/2018 che, fornendo una dimensione temporale, favorisce l’indicizzazione da parte dei motori di ricerca.

6. Impiegate lo schema.org

Si sente sempre più spesso parlare dello schema.org, quanto meno tra gli addetti ai lavori, ma non tutti sanno cosa sia e come impiegarlo al meglio. Lo schema.org, lanciato nel 2011 dai più importanti motori di ricerca, quali Bing, Google and Yahoo!, permette di implementare all’interno del sito uno schema di dati con cui descrivere le pagine web e i loro contenuti. Si tratta di uno “schema universale” per descrivere le pagine web tramite, appunto, dati strutturati.

Il risultato? I motori di ricerca comprendono immediatamente il focus delle pagine, si conquista via via un buon posizionamento e si incrementa il traffico organico, fornendo all’utente un’esperienza di navigazione più ricca e rispondente alle sue richieste.

Che dite, siete pronti ad affrontare il periodo più “profittevole” dell’anno? Allora: che lo shopping natalizio abbia inizio!

Commenta per primo